Blog

ANSIA DA CORONAVIRUS

E poi arriva l’edizione straordinaria nel bel mezzo della serata, arriva quella decisione da parte del governo che nessuno avrebbe voluto sentire ed è normale che salga l’ansia ,la paura o il panico.
Ma il vero pericolo non è il Coronavirus, ma la paura del Coronavirus.
Questo continuo rimbalzare dalle notizie dei Tg a quelle della radio e poi dei social crea un clima negativo e di allerta che non aiuta il nostro umore e di conseguenza incide negativamente anche sul nostro sistema immunitario.
Sicuramente il coronavirus non va sottovalutato, non è una banalità, è un virus che ha un rischio e un alto grado di contagiosità… ma non è l’apocalisse!
Non lo fermeremo con il panico ma con l’intelligenza.
Le misure, che potrebbero sembrare rigide, sono state prese per non sovraffollare gli ospedali che non riescono a contenere il numero elevato di contagiati e le terapie intensive insufficienti.
Allora cerchiamo di essere responsabili, aiutiamoci e sosteniamoci l’un l’altro restando tutti a casa.
Cerchiamo di riflettere e di dare una lettura diversa a tutto quello che sta succedendo. Ogni evento, porta con sé degli aspetti positivi, anche se spesso è difficile coglierli.
Questo virus ci ha dato uno STOP, come spesso capita alla singola persona quando si ammala. Spesso ai mie pazienti che hanno un problema come il DAP(disturbo da attacchi di Panico) gli chiedo di riflettere; probabilmente il loro fisico gli sta chiedendo di fermarsi e ascoltarsi, per troppo tempo si sono trascurati o maltrattati.
Allora riflettiamo sulla nostra incapacità di uscire dagli schemi e dalla routine. È bastata un’ ordinanza che andava a rompere le nostre abitudini per mandarci tutti il tilt. Siamo diventati ormai delle piccole macchine, incapaci di pensare e ascoltare ciò che anche il pianeta ci urla da tempo.
Allora fermiamoci, cambiamo il nostro stile di vita e riappropriamoci dei valori che abbiamo dimenticato.
Godiamo delle piccole cose, viviamo il presente, ascoltiamoci, alleniamo la gratitudine e la compassione e ne usciremo tutti più ricchi e forti di prima.
Dott.ssa Alexandra Benincasa

www.psicoterapiafamiliare.com

COME INCORAGGIARE L’AUTOSTIMA NEL BAMBINO

Come incoraggiare l’autostima nel bambino.
Questo è un argomento importante ed è spesso un quesito che mi viene posto da genitori o educatori. Partiamo con il sottolineare che l’autostima non è qualcosa che si possiede dalla nascita, ma è un sentimento, un valore, che mano a mano si costruisce attraverso la relazione che il bambino instaura con le figure di riferimento e attraverso l’interazione con il mondo esterno. Purtroppo spesso i bambini vengono educati a essere come “noi li vorremmo” e non come “essi dovrebbero essere”. Loro si adeguano e assecondano le aspettative dei genitori perchè li amano, mettendo in secondo piano il proprio io.
La prima cosa da modificare è la comunicazione, il modo in cui ci rivolgiamo ai più piccoli.
L’adulto, sempre meno attento, tende a sottolineare ciò che non approva: “perchè devi essere sempre così distratto”, ” sei sempre il solito disordinato” oppure ” sei troppo svogliato”. Queste parole sono dei giudizi e delle etichette con le quali il bambino si identifica. Non dimentichiamo che il bambino, a differenza dell’adulto, non possiede meccanismi di difesa suoi che gli permettono di difendersi da questi colpi che minano la sua autostima.
Dosate dunque i rimproveri: i bambini sono molto vulnerabili a tutti i commenti che minano il senso del loro valore.
Per incoraggiare l’autostima del vostro bambino:
✅Ascoltatelo dimostrando il vostro coinvolgimento
✅Educatelo aiutandolo a sperimentare il successo, ma anche l’insuccesso, in questo modo capirà i suoi limiti e le sue potenzialità
✅Concedetegli autonomia proporzionproporzionata alla sua età
✅Dimostrategli amore e affetto a prescindere da tutto
✅Mostrategli un’immagine positiva di voi, dando sempre il buon esempio.
Riassumendo sono essenziali quattro ingredienti: tempo, costanza, coerenza e dolcezza.
Dott.ssa Alexandra Benincasa

VIVI SENZA ASPETTATIVE

A sentir parlare gli adulti sono tutti vittime di incomprensioni, si lamentano del compagno/a, degli amici, dei familiari, di essere stati traditi, fraintesi, trascurati, ignorati, in una parola sola “delusi” dall’altro.

Senza rendersi conto che il vittimismo è come un’adolescenza infinita.

Immaturi? Si e anche tanto!

E mentre si sentono soli e delusi dall’umanità intera, il paradosso è che spopolano poi sui social! Così su internet si espone tutto quanto, dalla vita privata alle idee sulla politica, nella realtà regna la diffidenza, la paura e il sospetto.

In raltà quelli di cui non ci fidiamo siamo noi rispecchiati negli altri, è la nostra idea di “noi stessi nella società” a essersi sfaldata.

Ci viene difficile accettare che in noi ci possa essere la compresenza di pregi e difetti, di pensieri contrastanti e comportamenti incoerenti, di conseguenza non siamo in grado di accettarli negli altri.

Spesso ci dimentichiamo che anche noi non siamo perfetti e che non siamo l’amico/a ideale, il marito o la moglie perfetta, anche noi deludiamo e facciamo soffrire…ma ce ne dimentichiamo, e anche in fretta, perchè abbiamo bisogno di mantenere un immagine positiva di noi stessi, ci affrettiamo a mettete nella camera del dimenticatoio tutti quegli aspetti che non ci piacciono e che critichiamo negli altri.

Un atto di maturità che dovremmo compiere è quello di vivere le relazioni per quello che sono e per quello che possiamo trarne in quel momento senza aspettative. Ma per fare questo dobbiamo smontare anche le aspettative che abbiamo su di noi e accettarci per quello che siamo con i nostri pregi e difetti!

Perchè nessuno è perfetto!

Dott.ssa Alexandra Benincasa

www.psicoterapiafamiliare.com

LA PERFEZIONE NON ESISTE

Non perdere tempo cercando di essere impeccabile, perfetta o come pensi che gli altri ti vogliono, perchè la perfezione non esiste e non esiste un modo per essere percepiti come perfetti dagli altri.
Non chiederti :“Cosa penseranno gli altri del mio aspetto?” altrimenti sarai sempre preda dell’ansia.
Inizia a pensare alle tue imperfezioni come se fossero elementi preziosi, il seme della tua stessa originalità.
Semplicemente sei quello che sei e non esiste nessun altro uguale a te!
Carl Gustav Jung affermava “Non c’è luce senza ombre e non c’è pienezza psichica senza imperfezioni. La vita richiede per la sua realizzazione non la perfezione, ma la pienezza. Senza l’imperfezione non c’è né progresso, né crescita”.
In fondo, ciò che ci rende imperfetti, ci rende unici!
Dott.ssa Alexandra Benincasa
www.psicoterapiafamiliare.com

…SE TI POTESSI DIRE…

Che fosse una canzone sulla consapevolezza raggiunta con il maturare dell’età è evidente. Ma ritengo che ci sia molto di più in questo apparentemente semplice ma stupendo testo, stile Vasco. Sono racchiusi un insieme di concetti e riflessioni, frutto di un percorso introspettivo libero o guidato da un esperto questo poco importa, che riguardano l’evoluzione della vita. Un vero trattato di psicologia del benessere. Chi non si è mai trovato intrappolato in qualche rimpianto per comportamenti avuti nel passato, rimuginando e rimuginando. Con quale conseguenza? Solo quella di una vita triste, delusi e arrabbiati per ciò che è stato e che non potrà più essere, appesantiti da tutti quei “se”, immersi in un passato immaginario e in un destino idealizzato, fatto di occasioni perse per sempre, che portano ad un malessere, “all’ inferno della mente, quell’inferno che esiste veramente”. Ma se si vuole uscire da questo vicolo cieco di false interpretazioni, bisogna alleggerirsi e cambiare mentalità, solo così possiamo ritrovare il sorriso. E bisogna anche accettare il fatto che se alcuni di quegli sbagli hanno complicato la vita dall’altra sono stati fondamentali per crescere, per capire meglio se stessi e gli altri, per evolvere e cambiare. Allora basta stare nel passato, torniamo nel presente, torniamo a vivere, “vivere per amare vivere per sognare vivere per rischiare e vivere per diventare”. Prendiamoci la responsabilità di ciò che ci accade,
Prendiamoci la responsabilità di ciò che ci accade, diventiamo responsabili della nostra vita, perchè i rimpianti altro non sono che un nascondiglio sicuro per non cambiare le cose.

Grazie Vasco.

Dott.ssa Alexandra Benincasa

PROMEMORIA DEL BUON EDUCATORE

PROMEMORIA DEL BUON EDUCATORE
• Create stabilità emotiva e sicurezza nel bambino: questo gli consentirà di sperimentare la sua età.
• Respirate, toccate e sentite i bisogni dei vostri bambini. Non dimenticate che un vero rapporto talvolta implica anche frustrazione, conflitti e contrasti che comunque non compromettono l’armonia e l’amore.
• Cercate di dare con dolcezza ma con fermezza tanto i si quanto i no, motivandoli tutte le volte che potete.
• Lasciate che i bambini sperimentino anche l’insuccesso: li aiuterà a prendere coscienza della realtà e a capire che esistono dei limiti.
• Ricordatevi della vostra infanzia e delle sensazioni vissute. È un modo per avvicinarsi da adulti al mondo dei bambini e riconoscere le esigenze.
• Tenete sempre a mente 2 parole nella relazione con i bambini: “amore” e “rispetto”.
Dott.ssa Alexandra Benincasa

NON SOTTOVALUTARE I BAMBINI

Spesso uno degli errori che noi adulti commettiamo con i più piccoli è proprio quello di sottovalutarli. Quante cose facciamo o diciamo pur sapendo che sono sbagliate in presenza o nei confronti dei bambini e poi pensiamo : ” tanto è piccolo, non capisce!”, “tanto non si è accorto di niente!”.
Non è affatto così: i bambini, anche quelli più piccoli, registrano tutte le sensazioni provate…
Quindi fate attenzione, create un rapporto sereno con i vostri bambini, e non sottovalutateli, perchè sono dotati di una grande sensibilità e per questo percepiscono tutto con l’emotività ancora prima che con la ragione.

Dott.ssa Alexandra Benincasa

“Il cuore in pace vede una festa in ogni villaggio”.

🔴Questo antico detto ci fa riflettere sul nostro modo di vedere il mondo e di come se il nostro spirito è in pace allora vediamo di buon occhio tutto ciò che ci circonda e al contrario se il nostro spirito è inquieto o in conflitto saremo portati a vedere il mondo intorno a noi come minaccioso, grigio e brutto. Ciò significa che OGNI COSA COMINCIA DENTRO DI NOI! Allora non possiamo trascurare la cura della nostra anima del nostro essere, anzi è fondamentale per vivere una vita appagante, per vivere la vita che vuoi vivere!
Dott.ssa Alexandra Benincasa
www.psicoterapiafamiliare.com

E’ FACILE STAR BENE INSIEME SE SAI COME FARLO! “STRATEGIE PER LA COPPIA”

IL 9 NOVEMBRE 2019 ORE 10.00/12.30 -INCONTRO GRATUITO

“La grande avventura dell’amore inizia con il sapersi accettare a vicenda”. Francois Weyergane

L’incontro, divulgativo e gratuito, si propone di fornire informazioni e strategie per la costruzione di una relazione stabile e appagante, per assaporare in modo positivo e armonioso tutto ciò che la vita di coppia propone.
Con attenzione al come si manifestano i problemi, le dinamiche. i possibili conflitti e quali modalità utilizzare per affrontarli.
Prenota il tuo posto chiama il: 3387073823 info@psicoterapiafamiliare.com

OTTOBRE MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO

🔴SAVE THE DATE 🔴

Ottobre è il mese del benessere psicologico, in occasione dell’iniziativa “STUDI APERTI” indetta dall’Ordine Nazionale degli Psicologi, la Dott.ssa Alexandra Benincasa per tutti i martedi del mese di ottobre effettuerà un primo
incontro di consulenza gratuito, previo appuntamento.
www.psicoterapiafamiliare.com
Info@psicoterapiafamiliare.com