Cercare la felicità fuori di noi è come aspettare il sorgere del sole in una grotta rivolta a nord.
(Proverbio tibetano)

Non abbiamo bisogno di più soldi, più successo, nè di un corpo diverso o di una macchina nuova per essere felici, l’unico fattore davvero essenziale è il nostro stato mentale, l’unico strumento a nostra disposizione per raggiungere la felicità.
Ciò che dobbiamo capire è che la nostra mente è fatta di tanti, tanti pensieri diversi. Alcuni di questi sono preziosi e vanno coltivati, curati e alimentati, altri sono molto dannosi e negativi e vanno ridotti, ignorati.

Il passo successivo è imparare in che modo queste emozioni, pensieri e comportamenti negativi ci danneggiano e come quelli positivi ci giovano. Poi seguendo il principio di causalità (nel Buddhismo ritenuto una legge della natura) dovremmo vedere quali cause producono la felicità e fare in modo che le condizioni e i fattori da cui si origina aumentino e cercare di favorirle il più possibile. Viceversa cercare di limitare e ridurre tutte quelle circostanze e condizioni da cui si origina la sofferenza!

Per esempio l’odio, la gelosia, la rabbia ,l’invidia sono stati negativi della mente perchè distruggono la nostra felicità; quando nutriamo odio o ostilità per qualcuno, quando noi stessi siamo pieni di odio anche gli altri esseri umani ci appaiono ostili, sicchè abbiamo più paura, proviamo un senso di insicurezza, ci chiudiamo e di conseguenza aumenta la sensazione di sentirsi soli in un mondo percepito come ostile. Stati mentali come la gentilezza e la compassione sono invece molto positivi, schiudono la nostra porta interna. Scopriamo che tutti gli esseri umani sono come noi, saremo più propensi a instaurare relazioni di amicizia, sperimentando un senso di fiducia, serenità.

Quindi possiamo cambiare e il segreto della felicità sta nelle nostre mani.
Quali pensieri e sentimenti voglio coltivare oggi?

Dott.ssa Alexandra Benincasa

 

Condividi questa pagina con i tuoi contatti: